Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra risposta virologica sostenuta e mortalità per qualsiasi causa tra i pazienti con epatite C cronica e fibrosi epatica avanzata


Gli esiti della infezione cronica da virus della epatite C ( HCV ) comprendono insufficienza epatica, carcinoma epatocellulare e morte per cause epatiche.

È stata valutata l'associazione tra risposta virologica sostenuta ( SVR ) e mortalità per tutte le cause nei pazienti con infezione cronica da HCV e fibrosi epatica avanzata.

È stato eseguito uno studio di follow-up internazionale, multicentrico, a lungo termine, in 5 grandi ospedali in Europa e in Canada su 530 pazienti con infezione cronica da HCV che hanno iniziato un regime di trattamento a base di Interferone tra il 1990 e il 2003, a seguito di un esito istologico di fibrosi epatica avanzata o cirrosi ( punteggio Ishak 4-6 ).

Come misura di esito è stata considerata la mortalità per tutte le cause.
Gli esiti secondari erano insufficienza epatica, carcinoma epatocellulare e mortalità per cause epatiche o trapianto di fegato.

I 530 pazienti dello studio sono stati seguiti per una media di 8.4 anni.
L'età mediana al basale ( IQR ) era di 48 anni e 369 pazienti ( 70% ) erano di sesso maschile.

Il punteggio Ishak della fibrosi era di 4 in 143 pazienti ( 27% ), 5 in 101 pazienti ( 19% ) e 6 in 286 pazienti ( 54% ).

Sono stati conteggiati 192 pazienti ( 36% ) che hanno raggiunto risposta virologica sostenuta; 13 pazienti con risposta virologica sostenuta e 100 senza risposta virologica sostenuta sono deceduti ( tasso cumulativo di mortalità per tutte le cause a 10 anni, 8.9% con risposta virologica sostenuta e 26.0% senza risposta virologica sostenuta, P minore di 0.001 ).

Nell'analisi di regressione di Cox multivariata tempo dipendente, la risposta virologica sostenuta è stata associata a un minore rischio di mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio [ HR ], 0.26; P minore di 0.001 ) e alla riduzione del rischio di mortalità correlata al fegato o al trapianto ( HR=0.06; P minore di 0.001 ), quest’ultima verificatasi in 3 pazienti con risposta virologica sostenuta e 103 senza risposta virologica sostenuta.

Il tasso di incidenza cumulativa a 10 anni di mortalità correlata al fegato o al trapianto è stato pari all’1.9% con risposta virologica sostenuta e 27.4% senza risposta virologica sostenuta ( P minore di 0. 001 ).

Sette pazienti con risposta virologica sostenuta e 76 senza risposta virologica sostenuta hanno sviluppato carcinoma epatocellulare ( tasso di incidenza cumulativa a 10 anni, 5.1% contro 21.8%; P minore di 0.001 ), e 4 pazienti con risposta virologica sostenuta e 111 senza risposta virologica sostenuta hanno sviluppato insufficienza epatica ( tasso di incidenza cumulativa a 10 anni, 2.1% contro 29.9%; P minore di 0.001 ).

In conclusione, tra i pazienti con infezione cronica da virus HCV e fibrosi epatica avanzata, una risposta virologica sostenuta al trattamento a base di Interferone è risultata associata a una minore mortalità per qualsiasi causa. ( Xagena2012 )

van der Meer AJ et al, JAMA 2012; 308: 2584-2593


Gastro2012 Inf2012



Indietro