Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ferritina sierica come un predittore dell’esito di trattamento nei pazienti con epatite C cronica


Il trattamento antivirale per epatite C cronica prevede l’uso di Ribavirina, un agente emolitico.

I Ricercatori dell’Ospedale Universitario di Modena, hanno disegnato uno studio prospettico per valutare se le modifiche nei livelli di ferro indotte dal farmaco fossero clinicamente rilevanti e legate all’esito terapeutico.

Le variabili legate al ferro sono state valutate in 206 pazienti con epatite C cronica che si dovevano sottoporre a terapia antivirale, e sono state messe in relazione a stato del ferro prima del trattamento e istologia, emolisi ed esito terapeutico.

Alla settimana 1 di terapia, ferro sierico, saturazione di transferrina e ferritina sierica sono aumentate in modo marcato in tutti i pazienti.

Tutti i parametri legati al ferro sono risultati correlati con emolisi fino alla settimana 4; questa correlazione non è più stata osservata per la ferritina sierica in tempi successivi.

L’aumento di ferritina sierica durante il trattamento è risultata inversamente correlata al livello basale di ferritina sierica e con i depositi di ferro nelle cellule epatiche mesenchimali/cellule di Kupffer.

Sia il livello basale di ferritina sierica sia il ferro mesenchimale sono risultati significativamente correlati con la fibrosi all’analisi multivariata ( P=0.015 e 0.008, rispettivamente ).

È stato osservato che il livello basale di ferritina sierica, nonostante una buona specificità ( 89% ), ha mostrato bassa sensibilità nel predire siderosi ( 25% ).

Nel corso della terapia, il ferro sierico, la saturazione di transferrina e i parametri di emolisi non sono risultati correlati a risposta virologica sostenuta, mentre l’aumento di ferritina sierica è diventato un predittore indipendente della risposta terapeutica: un aumento di ferritina sierica di 2.5 volte alla 12.a settimana era associato a una maggiore probabilità di risposta virologica sostenuta ( odds ratio, OR=1.91; P=0.032 ).

La mancanza di depositi mesenchimali di ferro alla biopsia basale è risultata correlata con una risposta virologica sostenuta ( OR=3.02; P=0.043 ).

In conclusione, nell’epatite C cronica la ferritina sierica è un marcatore utile per valutare la durata e la progressione della malattia prima di iniziare il trattamento e per predire la risposta terapeutica nel corso del trattamento.
L’aumento di transferrina sierica durante la terapia antivirale è fortemente indipendente dall’emolisi e probabilmente indica l’attivazione dei macrofagi in risposta agli antivirali. ( Xagena2009 )

Ferrara F et al, Am J Gastroenterol 2009; 104: 605-616


Farma2009 Gastro2009 Inf2009 Diagno2009


Indietro