Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Mediexplorer.it

Incidenza, fattori di rischio e prevenzione della reinfezione da virus dell'epatite C


Le persone rimangono a rischio di reinfezione con il virus dell'epatite C ( HCV ), anche dopo la clearance dell'infezione primaria.
Sono stati identificati i fattori associati al rischio di reinfezione da virus HCV in un ampio studio di coorte basato sulla popolazione della Columbia Britannica, in Canada, ed è stata esaminata l'associazione tra terapia sostitutiva degli oppioidi e consulenza di salute mentale con reinfezione.

Sono stati ottenuti dati dalla British Columbia Hepatitis Testers Cohort, che comprende tutti gli individui testati per i virus HCV o HIV presso il British Columbia Centre for Disease Control Public Health Laboratory durante il periodo 1990-2013.

Sono stati definiti i casi di reinfezione da HCV come individui con un test HCV PCR-positivo dopo una clearance spontanea ( due test HCV PCR-negativi successivi distanziati di 28 giorni o più senza trattamento ) o una risposta virologica sostenuta ( SVR, due test HCV PCR consecutivi distanziati 28 giorni o più dopo 12 settimane dal completamento del trattamento a base di Interferone ).

Sono stati calcolati i tassi di incidenza di reinfezione da HCV ( per 100 anni-persona di follow-up ), sono stati esaminati i fattori di rischio di reinfezione ( età, coorti di nascita, sesso, anno di diagnosi di HCV, tipo di clearance di HCV, coinfezione da HIV, numero di visite di consulenza per la salute mentale, livelli di deprivazione materiale e sociale e consumo di alcol e droghe iniettabili ) e l’associazione della terapia sostitutiva con oppiacei e della consulenza sulla salute mentale con reinfezione da HCV tra le persone che si iniettano droghe ( PWID ).

Sono stati inclusi in questo studio 5.915 individui con infezione da HCV dopo la clearance ( 3.690 dopo clearance spontanea e 2.225 dopo risposta virologica sostenuta ).

452 pazienti ( 8% ) hanno sviluppato la reinfezione; 402 ( 11% ) dopo clearance spontanea e 50 ( 2% ) che avevano raggiunto la risposta virologica sostenuta.

Gli individui sono stati seguiti per una media di 5.4 anni, e il tempo mediano per la reinfezione è stato di 3.0 anni.

Il tasso di incidenza globale di reinfezione è stato pari a 1.27 per 100 anni-persona di follow-up su un totale di 35.672 anni-persona, con tassi significativamente più alti nel gruppo di clearance spontanea ( 1.59 ) rispetto al gruppo risposta virologica sostenuta ( 0.48 ).

È stato notato un rischio di reinfezione maggiore nel gruppo clearance spontanea ( hazard ratio aggiustato, HR=2.71 ), negli individui coinfettati con HIV ( HR=2.25 ), e tra coloro che fanno uso di droghe iniettabili ( HR=1.53 ), rispetto ai pazienti con altri fattori di rischio di reinfezione.

Tra le 1604 persone con uso di droghe iniettabili, la terapia sostitutiva con oppiacei è risultata significativamente associata a un minor rischio di reinfezione ( HR aggiustato 0.73 ), così come l'impegno con i servizi di consulenza per la salute mentale ( 0.71 ).

L'incidenza della reinfezione da HCV è risultata più alta tra gli individui coinfettati da HIV, tra quelli che hanno spontaneamente eliminato l'infezione da HCV e nelle persone che fanno uso di droghe iniettabili.
Il trattamento per infezione da HCV, integrato con la terapia sostitutiva con oppioidi e la consulenza sulla salute mentale, potrebbe ridurre il rischio di infezione da HCV tra coloro che fanno uso di droghe iniettabili.

Questi risultati supportano le politiche di follow-up post-dimissione delle persone che fanno uso di droghe iniettabili e l’offerta di servizi di riduzione del danno per minimizzare la reinfezione e la trasmissione del virus HCV. ( Xagena2017 )

Islam N et al, Lancet Gastroenterol Hepatol 2017; 2: 200-210

Inf2017 Gastro2017 Psyche2017



Indietro