Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia dell’interruzione di Tenofovir disoproxil fumarato nei pazienti con epatite B cronica dopo almeno 8 anni di terapia


Per i pazienti con epatite B cronica esiste un trattamento analogo nucleosidico e nucleotidico efficace e ben tollerato, sebbene il trattamento sia generalmente previsto per tutta la vita, con costi concomitanti ed effetti collaterali correlati al trattamento.
Sono stati caratterizzati gli esiti di pazienti con soppressione virale persistente che hanno interrotto l'uso di analoghi nucleotidici dopo un trattamento prolungato.

Una analisi prespecificata ha valutato la sicurezza dell'arresto della terapia a lungo termine con Tenofovir disoproxil fumarato in pazienti arruolati in due studi controllati randomizzati completati, GS-US-174-0102 e GS-US-174-0103.
In questi studi, i pazienti che avevano completato 8 anni o più di trattamento con analogo nucleotidico, erano positivi all’antigene di superficie dell'epatite B ( HBsAg ) con concentrazione del DNA di virus dell'epatite B ( HBV ) inferiore a 29 UI/ml, e non erano disposti o erano impossibilitati a continuare la terapia sono entrati in una fase di follow-up senza trattamento ( TFFU ) di 24 settimane.

Sono stati presentati i dati dei pazienti nella fase TFFU, valutati al basale e monitorati ogni 4 settimane per le variazioni delle concentrazioni qualitative di HBsAg, HBV DNA e alanina aminotransferasi ( ALT ) in aggiunta alle valutazioni di sicurezza standard.

Dei 124 pazienti che sono entrati nella fase TFFU, 54 pazienti ( 44% ) non hanno completato le 24 settimane di follow-up ( mediana 12 settimane ).
Complessivamente, 32 pazienti ( 26% ) hanno riferito un evento avverso.
Eventi avversi gravi si sono verificati in 5 pazienti ( 4% ), tra cui elevate concentrazioni di ALT in 2 pazienti, riacutizzazione epatica in 2 pazienti e aumento della lipasi in 1 paziente.
38 pazienti ( 31% ) presentavano anomalie di laboratorio di grado 3 o superiore, la maggior parte delle quali consistevano in aumenti di ALT ( 36 pazienti ).

Dei 106 pazienti con epatite B e negativi all’antigene ( HBeAg ) entrati nella fase TFFU, 63 ( 59% ) sono stati seguiti per 24 settimane.
La perdita di HBsAg è stata osservata in 5 dei 106 pazienti HBeAg-negativi ( 5% ) entrati nella fase TFFU, e 37 ( 35% ) avevano concentrazioni di HBV DNA inferiori a 2.000 UI/ml e concentrazioni di ALT inferiori al limite superiore di normalità ( ULN ) alla settimana 24 di TFFU.

Sono entrati nella fase TFFU 18 pazienti HBeAg-positivi, di cui 7 ( 39% ) sono stati seguiti per 24 settimane.
Di questi 7 pazienti, nessuno ha avuto perdita di HBsAg o HBV DNA inferiore a 2.000 UI/ml e 1 ( 14% ) aveva ALT inferiore a ULN alla settimana 24.

Entro 24 settimane dall'arresto di 8 anni o più di terapia con analogo nucleotidico, quasi un terzo dei pazienti ha presentato una anomalia di laboratorio di grado 3 o superiore.
Sebbene pochi pazienti abbiano raggiunto la perdita di HBsAg, un sottogruppo di pazienti HBeAg-negativi può raggiungere uno stato di bassa replicazione entro un breve periodo di follow-up. ( Xagena2019 )

Buti M et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 296-304

Inf2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro