Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alti tassi di risposta virologica sostenuta nei pazienti con rapida risposta virologica


La capacità di prevedere quali pazienti hanno maggiori probabilità di raggiungere una risposta virologica sostenuta ( SVR ) con PegInterferone e Ribavirina potrebbe essere utile per ottimizzare la terapia per l'epatite C ( infezione da virus HCV ).

Uno studio internazionale di coorte di non-intervento ha valutato il valore predittivo di una risposta virologica ( VR ) alle settimane 2, 4 e 12 di trattamento, rispetto alla risposta virologica sostenuta.

I pazienti con infezione da virus HCV, naive al trattamento, ( n=7.163 ). di età maggiore o uguale a 18 anni, sono stati trattati con PegInterferone e Ribavirina a discrezione del medico curante.

La principale misura di esito era il valore predittivo di una risposta virologica ( HCV RNA inferiore a 50 UI/mL ) alle settimane 2, 4, e 12 di trattamento riguardo a SVR24 ( HCV RNA inferiore a 50 UI/ml dopo 24 settimane di follow-up senza terapia ) del genotipo HCV.

Il tasso generale di SVR24 è stato pari al 49.4%.

Il tasso SVR24 dei pazienti con un titolo RNA HCV inferiore a 50 UI/mL alle settimane 2, 4, e 12, è stato, rispettivamente, pari a 66.2%, 68.4%, e 60.3% tra i pazienti con genotipo 1; 82.0%, 76.3%, e 74.2% tra i pazienti con genotipo 2; 67.3%, 67.3%, e 63.8% tra i pazienti con genotipo 3; e 59.4%, 63.3%, e 54.3% tra i pazienti con genotipo 4.

E’ emerso che l'assenza di risposta virologica entro la settimana 12 aveva il più alto valore predittivo negativo in tutti i genotipi.

In conclusione, una risposta virologica alla settimana 2 o 4 era associata al più alto valore predittivo positivo per la risposta virologica sostenuta alla 24.ma settimana, con differenze in base al genotipo del virus HCV. ( Xagena2012 )

Marcellin P et al, Hepatology 2012; 56: 2039-2050



Inf2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro