Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Breakthrough virologico e resistenza nei pazienti con epatite cronica B trattati con analoghi dei nucleosidi e dei nucleotidi


Il breakthrough virologico ( risposta transitoria con riattivazione in corso di terapia ) è la prima manifestazione di resistenza al farmaco antivirale durante trattamento con analoghi nucleosidici o nucleotidici dell'epatite cronica B, ma non tutti i breakthrough virologici sono dovuti a farmacoresistenza.

Uno studio ha cercato di determinare l'incidenza di resistenza genotipica e breakthrough virologico nei pazienti con epatite cronica B che ricevevano analoghi nucleosidici o nucleotidici nella pratica clinica.

Sono stati rivisti i dati dei pazienti con epatite cronica B che ricevevano analoghi nucleosidici o nucleotidici.
Tutti i pazienti con breakthrough virologico sono stati analizzati per le mutazioni di resistenza ai farmaci.

Dei 148 pazienti inclusi, il 73% erano uomini e l'età media era di 44.9 anni.

Durante un follow-up medio di 37.5 mesi, 39 pazienti ( 26% ) sono andati incontro ad almeno 1 episodio di breakthrough virologico.
Di questi 39 pazienti, 15 ( 38% ) non hanno avuto conferma di breakthrough virologico a un nuovo test, e 10 di questi 15 non avevano evidenza di resistenza genotipica.

La probabilità cumulativa di breakthrough virologico, il breakthrough virologico confermato e la resistenza genotipica a 5 anni è stata, rispettivamente, del 46.1%, 29.7% e 33.9%.

All'analisi multivariata, il mancato raggiungimento della non-rilevabilità del DNA del virus dell'epatite B ( HBV ) è stato l'unico fattore significativamente associato con breakthrough virologico.

Tra i 10 pazienti che avevano breakthrough virologico, ma non esacerbazione virologica confermata o resistenza genotipica e che sono stati mantenuti in terapia con gli stessi farmaci, i livelli sierici di HBV DNA sono diminuiti in tutti e 10, e 9 avevano HBV DNA non-rilevabile ad una media di 6.8 mesi dopo breakthrough virologico.
Quattro pazienti hanno avuto HBV DNA non-rilevabile in modo persistente, 6 hanno avuto un aumento transitorio di HBV DNA nel corso del follow-up, e nessuno ha presentato resistenza genotipica.

In conclusione, il breakthrough virologico è risultato comune nei pazienti con epatite cronica B che ricevevano analoghi nucleosidici o nucleotidici nella pratica clinica, ma quasi il 40% del breakthrough virologico non era correlato alla resistenza ai farmaci antivirali.
Il counseling dei pazienti con epatite cronica B sull'adesione alla terapia farmacologica e la conferma del breakthrough virologico e/o della resistenza genotipica possono evitare cambiamenti non necessari dei farmaci antivirali. ( Xagena2011 )

Hongthanakorn C et al, Hepatology 2011; 53; 1854-1863


Gastro2011 Inf2011



Indietro