Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza dei nuovi agenti antivirali diretti nei pazienti con infezione da virus dell'epatite C con linfoma non-Hodgkin diffuso a grandi cellule B


L'associazione tra virus dell'epatite C ( HCV ) e il linfoma non-Hodgkin ( NHL ) è stata dimostrata in tutto il mondo.
I nuovi agenti antivirali diretti ( DAA ) senza Interferone hanno mostrato elevata efficacia e sicurezza, e i dati preliminari sembrano confermare la loro attività sul linfoma non-Hodgkin di basso grado.

Si pone il problema di come e se trattare i pazienti positivi al virus HCV con linfomi diffusi a grandi cellule B ( DLBCL ).

Uno studio osservazionale ha valutato se il trattamento con antivirali diretti di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B / infezione da HCV in concomitanza con la chemioterapia fosse una opzione sicura ed efficace.

Sono stati arruolati durante il 2015, 20 ( 13 maschi e 7 femmine ) soggetti HCV-positivi genotipo 1b, sottoposti a chemioterapia per linfoma diffuso a grandi cellule B.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a terapia antivirale con Sofosbuvir / Ledipasvir [ Harvoni ] e chemioterapia ( 14 Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone e 6 Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ) per linfoma diffuso a grandi cellule B.

Sono state effettuate complete valutazioni ematologiche ( Revised European‐American Lymphoma classification, Ann Arbor, e punteggi International Prognostic Index, IPI ) ed epatologiche ( marcatori virali, rigidità epatica e parametri biochimici ).
Una coorte retrospettiva storica di 101 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B / HCV-positivi non-sottoposti a terapia antivirale ha rappresentato il confronto.

I pazienti trattati e non-trattati con antivirali ad azione diretta erano simili per distribuzione sessuale, punteggio IPI e stadio di linfoma e differivano per età ( più anziani i pazienti trattati ), chemioterapia e uso di terapia antivirale.
La sopravvivenza generale ( OS ) e la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) sono state valutate in un follow-up di 52 settimane.

Nessuna differenza statistica è stata trovata nella sopravvivenza generale dopo 52 settimane ( P=0.122 ), mentre una sopravvivenza libera da malattia più alta, statisticamente significativa, è stata raggiunta nei pazienti trattati ( P=0.036 ).

All'analisi multivariata, solo il punteggio IPI e la terapia antivirale erano correlati in modo indipendente con una migliore sopravvivenza libera da malattia.

Non sono state segnalate differenze negli eventi avversi.

In conclusione, il trattamento con antivirali ad azione diretta in concomitanza con la chemioterapia si è dimostrato sicuro ed efficace nell'influenzare la remissione dei linfomi aggressivi nei pazienti con infezioen da HCV. ( Xagena2018 )

Persico M et al, Hepatology 2018; 67: 48-55

Inf2018 Gastro2018 Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro