Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il danno miocardico è comune tra i pazienti con epatite C cronica


I pazienti con infezione cronica da virus HCV sono soggetti a difetti di perfusione miocardica che rispondono al trattamento antivirale.
I ricercatori hanno eseguito elettrocardiogramma ( ECG ), ecocardiografia e imaging di perfusione miocardica su 217 pazienti affetti da epatite C cronica e senza evidenti sintomi della malattia cardiaca per rilevare la presenza e la gravità del danno miocardico.
Duecento pazienti hanno ricevuto il trattamento con Interferone ( IFN ) per 24 o 48 settimane, e sono stati valutati 2 settimane prima, 2 settimane dopo e 6 mesi dopo la terapia.
La risposta virologica sostenuta ( SVR ) è stata definita come HCV RNA non-rilevabile 6 mesi dopo il completamento del trattamento.

Il 9% dei pazienti nella coorte aveva ECG anormale, incluso 15 casi di bradicardia sinusale e 5 con blocco di branca destra incompleto prima del trattamento con Interferone.
Le tecniche di imaging di perfusione miocardica hanno indicato lesioni nel 87% dei pazienti, rappresentate dai punteggi di gravità anormali. Il punteggio dell’indice di attività istologica, livelli di RNA di HCV nel siero e il tasso di scomparsa del verde indocianina erano indipendentemente associati a un maggiore punteggio di gravità prima della terapia con Interferone alla regressione lineare multipla ( P inferiore a 0.0001 per tutti ).

Tra i 200 pazienti che hanno completato il trattamento, la risposta virale sostenuta si è verificata in 92 pazienti, e 57 sono andati incontro a recidiva; i restanti pazienti sono stati considerati non-responder.

I partecipanti che hanno raggiunto la risposta virale sostenuta hanno mostrato un significativo miglioramento del punteggio di gravità dopo il trattamento e il follow-up ( P inferiore a 0.01 ).
I pazienti che hanno recidivato hanno sperimentato un miglioramento di punteggio di gravità durante il trattamento alla scomparsa di HCV RNA, ma sono tornati ai punteggi di gravità al basale durante il follow-up.
Nessun cambiamento significativo del punteggio di gravità si è verificato tra i non-responder.

I tassi di cambiamento dei punteggi di gravità rispetto al basale erano simili tra i pazienti che hanno ricevuto 24 e 48 settimane di terapia.
Le differenze nel cambiamento del punteggio di gravità in base alla risposta sono stati significativi per tutti i confronti, ad esclusione di quelli tra i pazienti che sono ricaduti e coloro che erano non-responder dopo 48 settimane di trattamento ( p=0.2382 ).

Questo studio è il primo a dimostrare una correlazione tra l'infezione cronica da virus HCV e i difetti di perfusione miocardica in un gran numero di pazienti.
Anche se ulteriori studi sono necessari per valutare l'esatta relazione tra infezione cronica da HCV e danno miocardico, questo studio suggerisce che l'infezione da HCV può svolgere un ruolo causale importante nella patogenesi del danno miocardico. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of Hepatology, 2012

Gastro2012 Inf2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro