Colifagina S
Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena

Incidenza di carcinoma epatocellulare con Tenofovir disoproxil rispetto a Entecavir nell'epatite B cronica


Non è chiaro se Tenofovir disoproxil fumarato ( Viread ) ed Entecavir ( Baraclude ) differiscano nella loro associazione con il rischio di carcinoma epatocellulare nei pazienti con epatite B cronica e precedenti meta-analisi hanno mostrato conclusioni contrastanti con sostanziale eterogeneità.
Sono stati analizzati i dati aggiornati e sono state chiarite le fonti di eterogeneità.

Sono stati cercati studi rilevanti con dati sul tempo all'evento per carcinoma epatocellulare incidente in pazienti con epatite B cronica che hanno ricevuto Tenofovir disoproxil fumarato o Entecavir in monoterapia con follow-up di almeno 1 anno.
Sono stati inclusi studi pubblicati tra il 2006 e il 2020 e abstract di conferenze internazionali effettuate nel periodo 2018-2019.

Sono stati analizzati 31 studi che hanno coinvolto 119.053 pazienti.

L'incidenza cumulativa a 5 anni di carcinoma epatocellulare è stata del 5.97% per Entecavir e 3.06% per Tenofovir disoproxil fumarato in studi con popolazioni non-abbinate ( P minore di 0.0001 ).

Per tutti gli 8 studi abbinati per punteggio di propensione, l'incidenza cumulativa a 5 anni è stata del 3.44% per Entecavir e del 3.39% per Tenofovir disoproxil fumarato ( P=0.87 ).

L'analisi di 14 studi comparativi con aggiustamento per le covariate ha rilevato che Tenofovir disoproxil fumarato ed Entecavir avevano un rischio simile di carcinoma epatocellulare ( esito primario; HR aggiustato, aHR=0.88, P=0.20 ), sebbene l'eterogeneità fosse significativa ( I2=56.4%, P=0.0038 ).

In una analisi per sottogruppi per coorti cliniche ospedaliere, non vi è stata alcuna differenza nell'incidenza di carcinoma epatocellulare tra i due regimi ( aHR=1.03, I2=0% ).
Tuttavia, Tenofovir disoproxil fumarato è risultato associato a un minor rischio di carcinoma epatocellulare rispetto a Entecavir nei database amministrativi ( aHR=0.67, I2=0% ).

Si suggerisce che il trattamento sia guidato dalla tollerabilità e dalla convenienza del paziente piuttosto che dal fatto che un farmaco sia più efficace dell'altro. ( Xagena2020 )

Tseng C-H et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2020; 5: 1039-1052

Inf2020 Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro