Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’associazione Grazoprevir ed Elbasvir risulta efficace nei pazienti in precedenza non-responder alla terapia a base di Interferone


Lo studio C-EDGE ha mostrato che una combinazione a dose fissa di Grazoprevir ed Elbasvir, somministrata per 12-16 settimane, con o senza Ribavirina ha prodotto tassi di risposta virologica sostenuta ( SVR ) che vanno dall’89% al 100% in una coorte di pazienti con cirrosi e genotipi 1, 4 e 6.

E’stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Grazoprevir 100 mg ed Elbasvir 50 mg in una combinazione a dose fissa con o senza Ribavirina due volte al giorno in pazienti cirrotici e non-cirrotici con genotipo 1, 4 o 6.
Sono stati inclusi nello studio, assieme a quelli con co-infezione con virus HIV, i precedenti non-responder ( responder parziali e nulli nonché i pazienti recidivanti ).

L'analisi ha incluso 105 pazienti trattati per 12 settimane senza Ribavirina; 104 pazienti trattati per 12 settimane con Ribavirina; 105 pazienti trattati per 16 settimane senza Ribavirina; e 106 pazienti trattati per 16 settimane con Ribavirina.

I pazienti sono stati stratificati in base allo stato di cirrosi e alle precedenti esperienze con Peginterferone e Ribavirina.

I tassi globali SVR12 sono stati: 92% nel braccio di 12 settimane senza Ribavirina, 94% nel braccio di 12 settimane con Ribavirina, 92% per il braccio di 16 settimane senza Ribavirina e 97% per il braccio di 16 settimane con Ribavirina.

Per la malattia con genotipo 1a, i tassi SVR12 erano 90% senza Ribavirina per 12 settimane, 93% per 12 settimane con Ribavirina, 94% per il braccio non-Ribavirina per 16 settimane e 95% per il braccio Ribavirina per 16 settimane.

Tassi SVR12 del 100% sono stati segnalati per due gruppi di pazienti con genotipo 1b ( 12 settimane senza Ribavirina, 16 settimane con Ribavirina ) e tassi superiori al 94% per gli altri due gruppi.

Le risposte nella malattia con genotipo 4 sono state leggermente inferiori, con il 78% nel braccio non-Ribavirina di 12 settimane; 93% nel braccio Ribavirina di 12 settimane; 80% nel braccio non-Ribavirina di 16 settimane.
Il 100% è stato raggiunto dai pazienti trattati per 16 settimane con Ribavirina.

Le risposte andavano dall’87% al 98% per i precedenti null responder e dal 95% al 100% per i responder parziali e recidivanti del trattamento precedente.

In un sottogruppo, il tasso di risposta sostenuta più basso nei pazienti cirrotici è stato pari a 89% ( 12 settimane con Ribavirina ) con il braccio di 16 settimana con Ribavirina che ha raggiunto una percentuale di risposta sostenuta al 100% nei pazienti cirrotici.
Tutte le altre risposte nei pazienti con cirrosi erano superiori al 90%.

La fatica è stata riportata nel 23% dei pazienti, mentre la cefalea si è verificata nel 20% e la nausea nell’11%.
Il tasso di eventi avversi gravi è risultato molto basso.
L'interruzione è stata rara e non correlata alla terapia.

In un'analisi delle varianti associate alla resistenza presenti prima di iniziare la terapia, il 50% dei pazienti con malattia di genotipo 1a aveva bassi livelli naturali di varianti associate alla resistenza alla terapia con Grazoprevir che hanno conferito una riduzione in potenza inferiore a cinque volte a Grazoprevir; la presenza di queste varianti associate alla resistenza non ha influenzato i tassi di risposta virale sostenuta.

Per il dominio NS5a, le conclusioni sono state diverse. C'era una prevalenza molto più bassa di varianti naturali associate alla resistenza a NS5A con il 4% della coorte genotipo 1a che presentava bassi livelli di varianti associate alla resistenza alla terapia con Elbasvir che ha conferito una riduzione in potenza inferiore a cinque volte a Elbasvir, e con il 9% della coorte genotipo 1a che presentava varianti associate alla resistenza che conferivano una riduzione in potenza superiore a 5 volte a Elbasvir.

Dallo studio è emerso che i tassi SVR12 erano il 99% o il 100% nei pazienti senza varianti associate alla resistenza a NS5A o basso livello di varianti associate alla resistenza.
Ma con un alto livello di varianti associate alla resistenza a NS5A, il tasso di SVR è stato del 52%.
Quando sono stati esaminati i bracci di trattamento, il braccio di trattamento di 16 settimane con Ribavirina ha raggiunto un tasso di risposta virologica sostenuta al 100% in quelli con alti livelli di varianti associate alla resistenza al dominio NS5A. ( Xagena2015 )

Fonte: Digestive Disease Week, 2015

Inf2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro