Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Maggiore efficacia del PegInterferone alfa-2a rispetto alla Lamivudina nella epatite B cronica HBeAg-positiva


Gli attuali trattamenti dell’epatite B cronica non sono ottimali.

Un gruppo di Ricercatori, coordinati da Gorge KK Lan della Hong Kong University ha confrontato l’efficacia e la sicurezza dell’Interferone pegilato alfa-2a ( PegInterferone; Pegasys ) associato alla Lamivudina ( Epivir ), del PegInterferone alfa-2a senza Lamivudina, e della Lamivudina da sola per il trattamento dell’epatite B e dell’epatite B cronica positiva per l’antigene e ( HBeAg ).

Un totale di 814 pazienti con epatite B cronica HBeAg–positiva ha ricevuto PegInterferone alfa-2a ( 180 microg una volta a settimana ) più placebo per os, PegInterferone alfa-2a più Lamivudina ( 100 mg/die ) o solamente Lamivudina.

L’87% dei partecipanti allo studio erano asiatici e per la maggior parte erano infettati con il genotipo B o C del virus dell’epatite B.

I pazienti sono stati trattati per 48 settimane, e sono stati seguiti per altre 24 settimane.

Dopo 24 settimane di follow-up, un numero significativamente maggiore di pazienti trattati con PegInterferone alfa-2a in monoterapia oppure associato alla Lamivudina ha presentato sieroconversione HbeAg, rispetto a coloro che hanno ricevuto Lamivudina in monoterapia, ( 32% versus 19%; p < 0,001 ) ( 27% versus 19%; p = 0,02 ) o livelli di HBV DNA al di sotto di 100.000 copie/ml ( 32% versus 22%; p = 0,01 ) ( 34% versus 22%; p = 0,003 ):

Sedici pazienti che hanno ricevuto PegInterferone alfa-2a ( solo o in combinazione ) hanno presentato sieroconversione rispetto a nessun paziente nel gruppo trattato con la sola Lamivudina ( p = 0,001 ).

I più comuni effetti indesiderati sono stati quelli che comunemente si hanno durante terapia con Interferone-alfa.

Gravi effetti indesiderati si sono presentati nel 5%, 6% e 2% dei pazienti trattati con PegInterferone alfa-2a in monoterapia, terapia di combinazione, e Lamivudina in monoterapia, rispettivamente.

Due pazienti che hanno ricevuto Lamivudina in monoterapia hanno presentato insufficienza epatica irreversibile dopo la cessazione del trattamento.
Uno di questi pazienti è stato sottoposto a trapianto di fegato, mentre l’altro è morto.

I risultati di questo studio hanno mostrato che nei pazienti con epatite B cronica HBeAg-positiva, il PegInterferone-alfa-2a ha un’efficacia superiore alla Lamivudina. ( Xagena2005 )

Lau GKK et al, N Engl J Med 2005; 352: 2682-2695

Gastro2005 Inf2005 Farma2005


Indietro