Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Medical Meeting

Ottimizzazione degli indici APRI e FIB-4 per escludere la cirrosi nei pazienti con epatite B cronica: studio SONIC-B


Escludere la presenza di cirrosi è importante per la gestione dell'epatite B cronica.
Sono state studiate e ottimizzate le prestazioni di due indici non-invasivi per escludere la cirrosi: l'indice di rapporto tra AST ( aspartato aminotransferasi ) e piastrine ( APRI ) e il punteggio della fibrosi basato su quattro fattori ( FIB-4 ).

Sono stati applicati cutoff definiti per includere ( APRI maggiore di 2.00; FIB-4 maggiore di 3.25 ) o escludere la cirrosi ( APRI minore di 1.00; FIB-4 minore di 1.45 ) dai dati di 8 studi randomizzati globali che hanno richiesto biopsia di base e identificato nuovi valori soglia che miravano a una sensibilità per la rilevazione della cirrosi superiore al 90% e un valore predittivo negativo ( NPV ) maggiore del 95% nello stesso set di dati.
Sono stati convalidati esternamente i nuovi valori soglia utilizzando i dati di tutti i pazienti consecutivi sottoposti a biopsia da 2 ospedali di riferimento nei Paesi Bassi e in Canada.

Nel set di dati di derivazione ( n=2.926 di cui 1.750 asiatici ), 340 individui ( 12% ) soffrivano di cirrosi.

La coorte di validazione era composta da 1.034 individui ( di cui 575 asiatici ), con 155 individui ( 15% ) con cirrosi.

L'applicazione di valori di cutoff convenzionali per FIB-4 nel set di dati di derivazione ha prodotto risultati non-classificabili in 686 individui ( 23% ) e 139 ( 41% ) dei 340 pazienti con cirrosi sono stati classificati erroneamente come privi di cirrosi.

Allo stesso modo, i valori limite convenzionali per APRI nel set di dati di derivazione hanno prodotto risultati non-classificabili in 706 individui ( 24% ) e 153 ( 45% ) sono stati classificati erroneamente come privi di cirrosi.

Un APRI di 0.45 o meno aveva una sensibilità del 91.5%, un NPV di 95.4% e ha classificato erroneamente 29 su 340 individui ( 9% ) con cirrosi nel set di dati di derivazione, ma le prestazioni sono state ridotte nel set di validazione ( 22 su 155 soggetti, 14%, con cirrosi erroneamente classificata ).

Un punteggio FIB-4 di 0.70 aveva una sensibilità del 90.9%, un NPV di 96.6% e ha classificato erroneamente individui 31 ( 9% ) con cirrosi nel set di dati di derivazione.
Nella coorte di validazione, lo stesso punteggio ha dato una sensibilità del 94.2%, un NPV del 97.3% e ha classificato erroneamente 9 ( 6% ) degli individui con cirrosi.

L'analisi dei sottogruppi ha indicato che il nuovo cut-off FIB-4 ha funzionato in modo accettabile in tutti i sottogruppi, ad eccezione degli individui di età pari o inferiore a 30 anni.

I cut-off convenzionali per APRI e FIB-4 non devono essere usati per guidare la gestione dei pazienti con epatite B cronica a causa di alti tassi di classificazione errata.
Un cutoff recentemente identificato e validato esternamente per FIB-4 ( inferiore o uguale a 0.70 ) può essere usato per escludere la cirrosi nei pazienti di età superiore a 30 anni. ( Xagena2019 )

Sonneveld MJ et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 538-544

Gastro2019 Inf2019



Indietro