Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Riattivazione del virus dell'epatite C in pazienti sottoposti a trattamento antitumorale


In studi retrospettivi è stata segnalata la riattivazione del virus dell'epatite C ( HCV ) in pazienti che ricevevano un trattamento antitumorale.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare in modo prospettico l'incidenza, i predittori e il significato clinico della riattivazione del virus HCV durante il trattamento del tumore.

Sono stati studiati pazienti con infezione da HCV sottoposti a trattamento antitumorale tra il 2012 e il 2016.

La riattivazione è stata definita come un aumento di HCV-RNA maggiore o uguale a 1 log10 UI/ml rispetto al basale, ed esacerbazione dell’epatite manifestatasi come aumento della alanina aminotransferasi ( ALT ) 3 o più volte il limite superiore della norma.

Sono stati studiati 100 pazienti, 50 con neoplasie ematologiche e 50 con tumori solidi.

La riattivazione si è verificata in 23 pazienti ( 23% ), compresi 18 pazienti ( 36% ) con neoplasie ematologiche e 5 pazienti ( 10% ) con tumori solidi.

Nell'analisi univariata, i pazienti con riattivazione hanno avuto più probabilità rispetto a quelli senza riattivazione di avere linfopenia prolungata ( mediana, 95 vs 22 giorni; P=0.01 ) e di aver ricevuto Rituximab ( 44% vs 9%; P minore di 0.0001 ), Bendamustina ( 22% vs 0%; P minore di 0.001 ), steroidi ad alto dosaggio ( 57% vs 21%; P=0.001 ), o analoghi purinici ( 22% vs 5%; P=0.02 ).

Rituximab ( odds ratio, OR=9.52; P=0.001 ) e gli steroidi ad alto dosaggio ( OR=5.05; P=0.01 ) hanno mantenuto il significato nell'analisi multivariata.
Su 23 pazienti con riattivazione, 10 ( 43% ) hanno manifestato esacerbazione dell'epatite.

Nessun paziente con riattivazione ha sperimentato insufficienza epatica o è deceduto per morte correlata al fegato entro 36 settimane dall'inizio del trattamento antitumorale.

14 pazienti con riacutizzazione dell'epatite, 6 dei quali hanno manifestato riattivazione, hanno richiesto l'interruzione o la riduzione della dose del trattamento antitumorale.

In conclusione, la riattivazione dell'HCV si è verificata nel 23% dei pazienti con infezione da HCV sottoposti a trattamento antitumorale e la maggior parte ha avuto un decorso clinico non-significativo.
Tuttavia, la riattivazione può influenzare il piano di trattamento antitumorale.
I risultati hanno indicato che l'infezione da HCV non dovrebbe controindicare la terapia antitumorale e che i pazienti infetti dovrebbero avere accesso a più trattamenti contro il cancro con un attento monitoraggio mentre ricevono regimi associati alla riattivazione dell'HCV. ( Xagena2018 )

Torres HA et al, Hepatology 2018; 67: 36-47

Inf2018 Gastro2018 Onco2018



Indietro