Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Terapia antivirale per epatite B cronica negli adulti


L’infezione cronica da virus dell’epatite B ( HBV ) può portare a insufficienza epatica, carcinoma epatocellulare e morte.

E’ stato svolto uno studio con l’obiettivo di valutare l’efficacia della terapia antivirale in adulti con infezione cronica da epatite B, prendendo in considerazione i dati di studi clinici randomizzati e controllati su Interferone ( Interferone alfa-2b, Introna; e PegInterferone alfa-2a, Pegasys ), Lamivudina ( Epivir ), Adefovir ( Hepsera ), Entecavir ( Baraclude ), e Telbivudina ( Sebivo ), pubblicati dal 1990 al 2008.

Sono stati selezionati gli studi clinici che avevano coinvolto adulti con epatite B cronica dopo il 1989.

In 16 studi clinici ( 4.431 pazienti ), il trattamento farmacologico non ha migliorato gli esiti clinici dell’epatite B cronica, ma gli studi erano basati su un campione insufficiente.
In 60 studi che hanno esaminato gli esiti intermedi, nessun singolo trattamento ha migliorato tutti gli esiti intermedi.

Evidenze di scarsa qualità hanno mostrato una clearance di HBsAg dopo trattamento con Interferone alfa-2b ( 2 studi per 211 pazienti ).

Evidenze di media qualità hanno indicato una normalizzazione della ALT ( alanina amminotransferasi ) nel corso del follow-up dopo trattamento con Adefovir ( 2 studi per 600 pazienti ) e perdita di HBeAg con Lamivudina ( 2 studi per 318 pazienti ).

Con Interferone alfa-2b, prove di media qualità hanno mostrato perdita di HBeAg ( 3 studi per 351 pazienti ), sieroconversione ( 2 studi per 304 pazenti ) e normalizzazione dei valori di ALT ( 2 studi per 131 pazienti ).

Il PegInterferone alfa-2a versus Lamivudina ha migliorato la sieroconversione di HBeAg ( 1 studio per 814pazienti ) e la normalizzazione di ALT ( 2 studi per 905 pazienti ) al di fuori del trattamento.
Il PegInterferone alfa-2a combinato con Lamivudina versus Lamivudina ha potenziato la perdita di HBeAg ( 1 studio, 543 pazienti ) e la normalizzazione di ALT ( 2 studi, 905 pazienti ).

Gli eventi avversi durante la terapia antiretrovirale si sono manifestati in più del 50% dei pazienti, ma non sono risultati associati ad un aumento dell’interruzione del trattamento. Tuttavia, la maggior parte degli studi non ha incluso pazienti con insufficienza epatica o renale, o altre gravi condizioni di comorbilità.

Inoltre, la forte eterogeneità tra i campioni degli studi clinici, gli interventi e le misure di esito hanno reso impossibile raggiungere conclusioni definitive.

Dallo studio è emerso che le evidenze non erano sufficienti per valutare l’effetto del trattamento sugli esiti clinici o sufli endpoint surrogati.
Sono necessari, pertanto, ulteriori studi per fornire raccomandazioni basate sull’evidenza riguardanti la migliore terapia antivirale in adulti con infezione cronica da epatite B. ( Xagena2009 )

Shamliyan TA et al, Ann Intern Med 2009; 150: 111-124


Gastro2009 Farma2009


Indietro