Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Terapia orale di combinazione con RG7128, un inibitore nucleosidico della polimerasi, e Danoprevir per l’infezione da epatite C cronica genotipo 1


L’attuale trattamento standard a base di Interferone per l’infezione cronica da virus dell’epatite C ( HCV ) è limitato sia dall’efficacia che dalla tollerabilità. È stata valutata la sicurezza, la tollerabilità e l'attività antivirale di una terapia unicamente orale di combinazione con due farmaci sperimentali anti-HCV: RG7128, un inibitore nucleosidico della polimerasi, e Danoprevir, un inibitore della proteasi NS3/4A, in pazienti con infezione cronica da virus dell’epatite C.

Lo studio INFORM-1 ha riguardato pazienti provenienti da sei Centri in Nuova Zelanda e Australia con infezione cronica da virus dell’epatite C genotipo 1, che hanno ricevuto un trattamento orale di combinazione, durato fino a 13 giorni, con RG7128 ( 500 mg o 1000 mg due volte al giorno ) e Danoprevir ( 100 mg o 200 mg ogni 8 ore, o 600 mg o 900 mg due volte al giorno ), oppure placebo.

L’aumento del dosaggio è stato avviato nei pazienti naive al trattamento per virus dell’epatite C; i pazienti che avevano già sperimentato il trattamento standard di cura, compresi coloro che precedentemente non avevano ottenuto nessuna risposta, sono stati arruolati in coorti a più alte dosi di Danoprevir.

L’esito primario era rappresentato dal cambiamento nella concentrazione di HCV-RNA dal basale al giorno 14 in pazienti che avevano ricevuto un trattamento di combinazione di 13 giorni.

In tutto, 88 pazienti sono stati randomizzati a un regime di trattamento con il farmaco in esame ( n=74 in sette gruppi di trattamento; 73 hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in esame ) o placebo ( n=14, tutti hanno ricevuto almeno una dose ).

La variazione media della concentrazione di HCV-RNA dal basale al 14° giorno variava da -3.7 a -5.2 log( 10 ) UI/mL nelle coorti che hanno ricevuto 13 giorni di trattamento di combinazione.

Alla più alta dose di combinazione provata ( 1000 mg di RG7128 e 900 mg di Danoprevir due volte al giorno ), la variazione media di concentrazione di HCV-RNA dal basale al giorno 14 è stata di -5.1 log( 10 ) UI/mL nei pazienti naive al trattamento, e di -4.9 log( 10 ) UI/mL nei pazienti che non avevano risposto al precedente trattamento standard ( da -5.2 a -4.5 ), contro un aumento di 0.1 log( 10 ) UI/mL nel gruppo con placebo.

La combinazione di RG7128 e Danoprevir è stata ben tollerata, con nessun grave evento avverso o evento correlato al trattamento, nessun cambiamento di grado 3 o 4 dei parametri di laboratorio, e nessuna interruzione del trattamento legata alla sicurezza.

In conclusione, la terapia di combinazione unicamente orale con un inibitore analogo nucleosidico della polimerasi e un inibitore della proteasi è risultata promettente come trattamento privo di Interferone per l’infezione cronica da virus dell’epatite C. ( Xagena2010 )

Gane EJ et al, Lancet 2010; 376: 1467-1475


Gastro2010 Farma2010 Inf2010


Indietro