Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento 96 settimane con Tenofovir alafenamide versus Tenofovir disoproxil fumarato per infezione da virus dell'epatite B


Tenofovir alafenamide ( TAF; Vemlidy ) è un nuovo profarmaco di Tenofovir sviluppato per trattare i pazienti con infezione da virus dell'epatite B cronica ( HBV ) a una dose inferiore rispetto a Tenofovir disoproxil fumarato ( TDF ) attraverso una somministrazione più efficiente di Tenofovir agli epatociti.

Nei risultati a 48 settimane di due studi in corso di fase III in doppio cieco randomizzati, Tenofovir alafenamide è risultato non-inferiore a Tenofovir disoproxil fumarato in termini di efficacia con una migliore sicurezza renale e ossea.

Sono stati riportati i risultati a 96 settimane per entrambi gli studi.

In due studi internazionali, i pazienti con infezione cronica da HBV sono stati randomizzati a ricevere 25 mg di TAF o 300 mg di TDF in doppio cieco.
Uno studio ha arruolato i pazienti HBeAg-positivi e l’altro i pazienti HBeAg-negativi.
È stata valutata l'efficacia in ogni studio e la sicurezza nella popolazione aggregata.

Alla settimana 96, le differenze nei tassi di soppressione virale sono risultate simili nei pazienti HBeAg-positivi che ricevevano Tenofovir alafenamide e TDF ( 73% vs 75%, rispettivamente, differenza aggiustata -2.2%, P=0.47 ) e nei pazienti HBeAg-negativi che ricevevanoTenofovir alafenamide e TDF ( 90% vs 91%, rispettivamente, differenza aggiustata -0.6%, P=0.84 ).

In entrambi gli studi le proporzioni dei pazienti con alanina aminotransferasi ( ALT ) al di sopra del limite superiore della norma al basale, che avevano alanina aminotransferasi normale alla settimana 96 del trattamento, sono state significativamente più alte nel gruppo di pazienti che ricevevano Tenofovir alafenamide rispetto a quelli che ricevevano TDF.

Nella popolazione aggregata di sicurezza, i pazienti trattati con Tenofovir alafenamide hanno presentato diminuzioni significativamente minori della densità minerale ossea rispetto a quelli trattati con TDF all'anca ( variazione percentuale media -0.33% vs. -2.51%; P minore di 0.001 ) e colonna vertebrale lombare ( variazione percentuale media -0.75% vs -2.57%; P minore di 0.001 ), nonché un cambiamento mediano significativamente più piccolo nella velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] con il metodo di Cockcroft-Gault ( -1.2 vs -4.8 mg/dl; P minore di 0.001 ).

In conclusione, nei pazienti con infezione da HBV, Tenofovir alafenamide è rimasto efficace quanto TDF, con una sicurezza renale e ossea migliore, due anni dopo l'inizio del trattamento. ( Xagena2018 )

Agarwal K et al, J Hepatol 2018; 68: 672-681

Inf2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro