Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Trattamento dell'epatite C acuta genotipo 1 e 4 con 8 settimane di Grazoprevir più Elbasvir: studio DAHHS2


Gli antivirali ad azione diretta trattano efficacemente l'infezione da virus dell'epatite C cronica ( HCV ) ma vi sono pochi dati sulla loro efficacia per l'infezione da HCV acuta, quando il trattamento immediato potrebbe impedire la trasmissione.
È stata valutata l'efficacia del trattamento con Grazoprevir più Elbasvir ( Zepatier ) nell'infezione acuta da HCV e si è studiato se il trattamento può essere abbreviato durante la fase acuta dell'infezione da HCV.

DAHHS2 ( Dutch Acute HCV in HIV study number 2 ) era uno studio di fase 3b in aperto, multicentrico, a braccio unico.
I pazienti adulti di età a partire da 18 anni con infezione acuta da HCV di genotipo 1 o 4 ( durata dell'infezione 26 settimane o meno, secondo il presunto giorno di infezione ) sono stati reclutati in 15 cliniche ambulatoriali per HIV nei Paesi Bassi e in Belgio.

Tutti i pazienti sono stati trattati con 8 settimane di Grazoprevir 100 mg più Elbasvir 50 mg somministrati come una compressa orale di combinazione fissa di farmaci una volta al giorno.

L'endpoint primario di efficacia era la risposta virologica sostenuta 12 settimane dopo la fine del trattamento ( SVR12; HCV RNA inferiore a 15 UI/ml ) in tutti i pazienti che hanno iniziato il trattamento.
La reinfezione con un diverso virus HCV non è stata considerata un fallimento del trattamento nell'analisi primaria.

Tra il 2016 e il 2018, sono stati arruolati 86 pazienti e 80 sottoposti a terapia, il tutto entro 6 mesi dall'infezione.
Tutti i pazienti che hanno iniziato il trattamento hanno completato il trattamento e nessun paziente è stato perso al follow-up.

79 pazienti su 80 ( 99% ) hanno raggiunto SVR12.

Tutti e 14 i pazienti infettati da un virus che portava un polimorfismo clinicamente significativo in NS5A sono guariti.

Se le reinfezioni erano considerate fallimenti terapeutici, 75 pazienti su 80 ( 94% ) hanno raggiunto SVR12.

Sono stati segnalati due eventi avversi gravi non considerati correlati al trattamento ( sanguinamento rettale traumatico e chirurgia lombare ).

L'evento avverso più comune è stata una nuova infezione a trasmissione sessuale ( 19 su 80 pazienti, 24% ).
I più comuni eventi avversi probabilmente correlati al farmaco segnalati sono stati affaticamento ( 11 pazienti, 14% ), mal di testa ( n=7, 9% ), insonnia ( n=7, 9% ), cambiamenti di umore ( n=5, 6% ), dispepsia ( n=5, 6% ), compromissione della capacità di concentrazione ( n=4, 5% ) e capogiri ( n=4, 5% ), tutti considerati lievi dal medico curante.

Nessun evento avverso ha portato alla sospensione del farmaco.

Grazoprevir più Elbasvir per 8 settimane sono risultati altamente efficaci per il trattamento della infezione acuta da HCV genotipo 1 o 4.
La capacità di trattare HCV in forma acuta immediatamente dopo la diagnosi potrebbe aiutare i medici a raggiungere l'obiettivo OMS dell'eliminazione di HCV entro il 2030. ( Xagena2019 )

Boerekamos A et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 269-277

Inf2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro